si quiero islas canarias

Pratiche legali per contrarre matrimonio alle Isole Canarie

La migliore destinazione per fare il grande passo

Paradiso di contrasti e calore perenne, i loro paesaggi di sabbie gialle e cime frondose, insieme alle loro dolci temperature, trasformano le Isole Canarie nel migliore scenario per dichiararsi amore eterno durante una cerimonia indimenticabile in compagnia di familiari e amici. Se si desidera che la celebrazione abbia effetti legali, bisogna considerare i seguenti requisiti:

Pratiche legali per il matrimonio civile

I requisiti stabiliti dalla legislazione per contrarre matrimonio legale in Spagna, e quindi nelle Isole Canarie, sono molto diversi a seconda della nazionalità e del luogo di residenza dei contraenti. Nel caso in cui entrambi i contraenti dimostrino di possedere nazionalità spagnola o di risiedere legalmente in Spagna, è possibile celebrare il matrimonio legale alle Isole a patto che i futuri sposi abbiano richiesto il relativo trasferimento della pratica dal municipio di residenza, formalità per la quale sono di solito necessarie circa tre settimane di tempo. Nel caso in cui entrambi i contraenti siano di nazionalità diversa da quella spagnola, la legislazione spagnola non permette il matrimonio civile in Spagna. Nel caso in cui solo uno dei contraenti sia spagnolo o residente, si consiglia di consultare al relativo consolato di Spagna le pratiche da avviare.


Per il rito cattolico

Se si tratta di una cerimonia cattolica, gli effetti di un matrimonio contratto alle Isole Canarie sono pieni e dipendono dalla legislazione di ogni paese, indipendentemente dalla nazionalità dei contraenti. In questo caso le pratiche legali risultano abbastanza semplici. Una volta scelta la chiesa nelle Isole e stabilita una data con il parroco responsabile, sarà sufficiente richiedere alla diocesi di origine la pratica dei contraenti, formalità che impiega circa un mese. È inoltre necessario che i futuri sposi abbiano già seguito il corso prematrimoniale nel loro paese.